Livio Macera

Livio Macera

Nome: Macera Livio ( alias Scorfano ) di anni 43, tutti portati pesantemente su fragili spalle…..una moglie e tre figli ostici all’acquariofilia si fanno sentire.
Provenienza:Montesilvano (PE) quella che tutti dicono essere una ridente cittadina della riviera adriatica….perchè ridente non capisco visto che è attanagliata da un boom edilizio selvaggio, una esplosione demografica pazzesca e amministrato negli anni da figure losche…mhaa!!! A parte il mare non è che mi faccia impazzire.



Questo sono io!

Iscritto alla Associazione Acquariofili Abruzzesi:

Si, iscritto da quasi 9 anni, ne sono l’attuale indegno segretario.
Ho letteralmente bruciato le tappe in seno al direttivo ricoprendo da subito il ruolo di consigliere prima e di segretario poi, ora punto al ruolo di tranquillo socio che stà in panciolle alla finestra.


Gavetta acquariofila:

Ho avuto la passione acquariofila fin da bambino, ricordo infatti che al mare dopo aver bevuto il succo di frutta riempivo la bottiglietta di acqua, ci mettevo un po di sabbia, una tellina, delle alghe brune e verdi brulicanti di isopodi, copecodi e rimanevo incantato a guardare quello che in un attimo diventava un piccolo mondo acquatico.
La passione per la pesca al lago mi spingeva poi a mantenere in vita i pesci rossi più belli per poterli osservare da vicino.
Ecco allora che d’estate riempivo di acqua una grossa vasca in cemento utilizzata dai nonni per pigiare il vino, vi mettevo le pietre a mò di grotta e poi sotto con carpette, carassi, alborelle.
Finita l’estate smontavo e ripulivo tutto con grande fatica per riportare i pesci al lago distante tra l’altro diverse centinaia di metri da casa.

Descrizione vasca:

Attualmente a casa ho un grande acquario marino mediterrane allestito due anni e mezzo fa, siccome amo anche gli acquari di acqua dolce, in ufficio per gentile concessione del capo ho tre acquari con pesci di facile gestione (ciclidi africani, salamandre, orifiamma).

Sotto casa ho anche un laghetto termoformato da 500 lt per pesci rossi e un’acquaterrario per le tre tartarughine acquatiche regalate ai bambini.


Le tartarughine


Il laghetto termoformato in giardino


Le vaschette in ufficio con gli orifiamma a sx e le salamandre a dx

 

Parte tecnica:

Acquario Mediterraneo: la particolarità è sicuramente la forma.
Non è il parallelepipedo tradizionale ma per l’angolo concessomi dalla moglie e per la mia volontà di raggiungere un litraggio importante, in fase di progetto ne è venuto fuori una forma penta-angolare.
La vasca realizzato da Andrea di Biesseacquari è stato equipaggiato rigorosamente con accessori usati presi dai vari mercatini in internet cercando di risparmiare al massimo.
Una scelta che a volte non paga ma che per il mio budget è necessario.

Il sistema di filtraggio dopo tanto pensare e chiedere sui forum è caduto su: DSB (strato alto di sabbia fine in vasca), affiancato da un capiente filtro biologico e uno skimmer adeguato.
Una scelta obbligata dalla mia inclinazione ad ospitare soggetti grandi e quindi grandi produttori di schifezze.

L’illuminazione è data da una plafoniera HQI Arcadia 150 w che scalda un botto e che per questo cerco di limitare al minimo.
La temperatura è regolata dal refrigeratore Resun 650 ,un prodotto cinese, che comunque mi soddisfa appieno.

Il tipo di gestione opinabile quanto si vuole ma è la mia ha come unico protocollo la Semplicità.
Non adopero infatti i vari test o integratori, cambio parziale con acqua naturale ogni volta che il mare ed il tempo a disposizione permette e alimentazione con solo cibo vivo.

Ripristino dell’acqua evaporata con kalkwasser (idrossido di calcio comprato in farmacia disciolto in acqua osmotica) dosaggio a occhio… ma oramai sono bravo, nient’altro.

Ok qualche volta i test li faccio ma senza farmi prendere dal panico per i valori alti.

Questo metodo di conduzione chiaramente è possibile perché le dimensioni dell’acquario lo permettono e soprattutto perchè mi piacciono e scelgo gli organismi più robusti del mediterraneo non certo i più delicati invertebrati.


Gli attuali ospiti del Med: una murena, una aragosta e fuori campo un’astice


Popolazione:

Da poco il mio amico pescatore Mariolino del peschereccio Zio Silvio mi ha procurato una bellissima aragosta ed un’astice con la promessa di rendergli il guscio di questi crostacei alla prima muta.
Per questo li alimento abbondantemente e ultimamente tengo particolarmente d’occhio il valore del calcio disciolto in acqua, così facendo conto in breve di assistere e documentare questa fase come già fatto nel vecchio acquario.

E poi c’è Elena la murena che ho da tre anni e che è praticamente cresciuta nella mia vasca.
Me la ricordo quando piccolina me lo hanno portato da Roma nel suo sacchetto.
Era già lunghetta, almeno una cinquantina di centimetri, ma aveva una sezione del corpo di forse quattro-cinque cm. insomma era molto serpentiforme.
Ora a distanza di tempo si è molto accresciuta sia in lunghezza , sfiora infatti il metro, ma soprattutto nella sezione del corpo è evidente la crescita, ora sarà di dieci-dodici cm, un vero e proprio tronchetto d’albero.
A dispetto della propria mole è tranquillissima si fa persino accarezzare in testa con le dita..
Per la verità siccome comunque infonde un certo timore solitamente la accarezzo con il bastoncino con cui alimento i crostacei.
Ci credete se vi dico che invece di ritirarsi in tana rimane ferma e si fa grattare quasi fosse un gatto che fa le fusa.

E’ vero !!!!


La mia murena in copertina su un numero della rivista “il mio acquario”

Considerazioni personali:

Penso che l’acquariofilia sia uno delle più bei hobby che si possa praticare, perchè ti è permesso a tutti i livelli richiedendo il tempo e le risorse che si hanno a disposizione.
Si fanno interessantissime osservazioni sulla natura e fa passare piacevolmente il tempo libero oltretutto senza assentarsi neanche da casa.

Se poi si fa parte di una associazione e quindi ci si confronta e si scambia esperienze con gli altri appassionati si coltiva e allarga le amicizie.

Mi aspetto per il futuro di trovare in ogni casa, studio o ufficio di trovare un piccolo o grande acquario quale che sia ma gestito e curato con tanto amore.


Acquari e Web:

Bel binomio purchè il web non serva unicamente per sfoggiare le foto del proprio acquario ma per accrescere il proprio e l’altrui sapere.
Comunque fra una navigata in internet e una navigata in mare per pescare cibo vivo per la mia adorata murena opto per quest’ultima.

Ringraziamenti:

Mi sento di ringraziare sicuramente i vari Lorenzo, Luciano ed Amedeo colonne portanti dell’A.A.A. che è vero sono latitanti sul forum e sito dell’A.A.A. ma che hanno avuto il merito di fondare e mandare avanti l’associazione da lunghissimi anni e che comunque ancora oggi rispondono a tutti con competenza a passione ai vari dubbi che affliggono, poi sicuramente devo ringraziare gli amici pescatori Mariolino, Paolo, Giancarlo, Ramon che non mancano di fornire gli organismi più interessanti del nostro mare in occasione delle mostre di acquari dell’AAA sia per l’acquario di casa..

Mi hanno fatto scoprire quanto sia ricco il nostro tanto a torto vituperato mare di cose belle oltre che buone da mangiare, grazie di cuore, ogni volta che mi chiamano è una emozione scoprire che cosa mi stanno riportando.

Trackback(0)
feed1 Commenti
Blog del Pesce Rosso
gennaio 15, 2011
151.62.1.167
Voti: +0

Davvero fantastico il laghetto da giardino, l'ambiente ideale per il pesce rosso e la carpa koi!
Molto belle anche le piante galleggianti, complimenti!

segnala un abuso
vote down
vote up

Scrivi commento
 
 
quote
bold
italicize
underline
strike
url
image
quote
quote
smile
wink
laugh
grin
angry
sad
shocked
cool
tongue
kiss
cry
più piccolo | più grande
 

security image
Scrivi i caratteri mostrati


busy